Il battiscopa (o zoccolino) è, troppo spesso, un aspetto sottovalutato rispetto al resto del pavimento. Capita frequentemente, quando ai nostri Clienti in show-room chiediamo se hanno immaginato colore e formato del battiscopa per il loro parquet, che la risposta sia “no….ma è necessario??”. Proviamo a rispondere anche qui: Personalmente riteniamo il battiscopa un elemento di arredo veramente interessante che, se saputo ben combinare con porte, infissi e pavimento, crea degli ambienti decisamente unici! Oltre essere un elemento tecnicamente imprescindibile sui pavimenti in legno (deve coprire il cm. di distacco dal muro che qualsiasi pavmento in legno deve avere per la propria dilatazione naturale), ci permette giochi progettuali di estremo valore.

Ci sono diverse scuole di pensiero riguardo al colore del battiscopa: la scuola “classica” lo vuole simile o uguale al parquet, la scuola “moderna” lo preferisce in linea con le porte e gli infissi. Onestamente sono entrambe teorie molto valide e quindi la scelta, semplicemente, è da affidare al vostro personalissimo gusto.

Anche i materiali con cui sono realizzati sono molteplici: in legno impiallacciato, in massello, in MDF.

Sicuramente da consigliare, se non si hanno pareti perfettamente dritte, i materiali impiallacciati, in quanto riescono a seguire meglio le “curve” dell’intonaco. Il fascino del battiscopa massello è indiscutibile, mentre nutriamo molte perplessità sui materiali in MDF.

i modelli di battiscopa sono pressochè infiniti: tralasciando i quarti di tondo e i basolini (tecnicamente non dei battiscopa), i battiscopa ver e propri partono da cose minimali  come ad esempio questo Angolo Vivo in mis. 50×13Per passare poi al classico dei classici, ovvero il cosidetto Becco di Civetta, normalmente in misura 75/80×13Un eleganza  e raffinatezza senza tempo è certamente quella del mod. Ducale, in massello, misura 95X13/15

 

 

 

 

Per poi salpare per modelli sempre più elaborati, come il Gran Ducale, in misura 120X15 o il King Artur in mis. 150×16

 

 

 

 

Con i nuovi modelli “a scomparsa”, siamo arrivati ad una nuova ulteriore evoluzione del prodotto. (N.B. per effettuare questo tipo di posa, deve essere programmata una controparete in cartongesso).

 

Insomma…come abbiamo visto da questa piccolissima carrellata, i battiscopa sono un infinità sia nei modelli che nei colori.

Teniamo a ribadire un concetto che, secondo noi, non deve passare in secondo piano: il battiscopa è un elemento basilare nella costruzione del vostro pavimento!

immaginate sempre che il vostro parquet sia un meraviglioso quadro, sicuramente degno della miglior cornice possibile!

Ovviamente il battiscopa deve essere sapientemente posato (normalmente con collante vinilico o silicone e chiodini a scomparsa) e rifinito con stuccature superiori. piallettature e, all’occorenza, siliconature, per cui è, sempre, il caso di rivolgersi a chi queste cose le fa di mestiere.